Kodi o Plex per PC: confronto e differenze

Kodi e Plex sono due dei programmi che servono per godersi contenuti multimediali, ma quale scegliere? Confrontiamoli e individuiamo le differenze tra loro così da poter scegliere quello che meglio si adatta alle tue esigenze. Mettiamo faccia a faccia i principali media center in formato software sul mercato.

Concetto

Per cominciare, Kodi e Plex non sono esattamente lo stesso tipo di software, anche se può sembrare così, dato che hanno in comune molte funzioni. Entrambi sono considerati centri multimediali che permettono di guardare i contenuti che abbiamo memorizzato localmente, che si tratti di video, musica o immagini, ma il funzionamento di ciascuno è molto diverso e anche le altre prestazioni variano notevolmente.

Interfaccia di KodiInterfaccia di Kodi

Kodi è un media center che permette di godersi i contenuti locali ma dà anche molta importanza ai contenuti online che puoi visualizzare in streaming attraverso i suoi add-on. Plex, invece, utilizza un’architettura di tipo server-client e si concentra sui contenuti locali e, anche se in passato presentava degli add-on, dal 2018 non sono più compatibili. In ogni caso, la sua funzione non è mai stata quella di offrire nuove fonti di contenuti piratati come Kodi, bensì quella di offrire alcune caratteristiche extra come il monitoraggio dell’attività sul server e l’invio di notifiche.

Interfaccia di PlexInterfaccia di Plex

Riassumendo al massimo, potremmo dire che Kodi è pensato per godersi i contenuti online in streaming piratati, mentre Plex si concentra sui contenuti locali.

Installazione

Al momento di installare i due programmi, la procedura è la stessa di quando installiamo qualsiasi altro software. Tuttavia, c’è un’importante differenza: Kodi non richiede alcun account utente e, una volta installato, puoi usarlo immediatamente. In Plex, invece, è necessario creare un account utente, quindi devi effettuare un passaggio di registrazione intermedio. È gratis, ma risulta comunque una seccatura e un fastidio. È il passaggio necessario per poter successivamente sincronizzare tutti i contenuti tra tutti i client che installerai.

La registrazione in Plex è obbligatoriaLa registrazione in Plex è obbligatoria

Media center

Sia Kodi che Plex offrono soluzioni molto simili, nel loro funzionamento come media center. Entrambi sono in grado di offrire i contenuti che abbiamo memorizzato su un server ai diversi client che abbiamo installato e che siano operativi. Nel caso di Plex, questa è la funzione principale, mentre nel caso di Kodi è una tra le tante disponibili. In questa sezione, i due programmi presentano differenze minime.

Add-on

Una delle grandi differenze tra i due programmi riguarda il supporto per add-on. Kodi offre centinaia di componenti aggiuntivi, per non dire migliaia, che si possono installare direttamente dai repository ufficiali nell’applicazione oppure cercandoli in Internet e importandoli nell’applicazione. Questi add-on permettono di fare di tutto, ma fondamentalmente consentono di aggiungere fonti di contenuti, che si tratti di canali TV, librerie di film e serie televisive o emittenti radio, per fare qualche semplice esempio. Gli add-on sono la base di tutta la sua community di utenti ed è importante mantenersi aggiornati al riguardo per non perdersi alcun contenuto.

Un film offerto da un add-on di KodiUn film offerto da un add-on di Kodi

Nel caso di Plex, dal 2018 non è compatibile con l’utilizzo di add-on, in un chiaro tentativo di sganciarsi dalla pirateria di contenuti. Fino a quella data ne esistevano, ma a dire la verità si concentravano su funzioni accessorie e non sull’offrire direttamente contenuti. Parliamo, ad esempio, del monitoraggio delle attività del client o della ricezione di notifiche quando venivano riprodotti contenuti, quando venivano aggiunti alla libreria disponibile… L’unica caratteristica in comune sono i cosiddetti canali, che non sono altro che app predefinite che offrono accesso ad alcuni servizi popolari come YouTube o Spotify, disponibili anche come add-on nel suo rivale. Esiste, inoltre, un abbonamento premium che ti permette di guardare la TV e utilizzare funzioni DVR, ma oltre ad essere a pagamento richiede di disporre di antenna parabolica, decoder… Tutto perfettamente legale.

Uso e configurazione

In questa sezione bisogna essere chiari: Plex è più semplice da usare. È sufficiente installare il software server sul dispositivo che archivia i contenuti e il software client nei dispositivi che li riprodurranno. Una volta effettuata questa configurazione iniziale, muoversi nell’interfaccia di Plex e usare le sue funzioni è un gioco da ragazzi, poiché presenta un’interfaccia in stile Netflix molto chiara ed intuitiva. Inoltre, è in grado di organizzare da solo i contenuti che aggiungiamo alla piattaforma, risparmiandoci il lavoro. Come punto negativo, il fatto di dover andare a cercare contenuti al di fuori del software implica un passo ulteriore prima di potersi godere i propri momenti di svago, quindi non potrai rinunciare al tuo client P2P preferito o a quel sito che ti offre film e serie TV in maniera continua, e dovrai sempre ricorrere ad Internet o ai tuoi amici per trovare nuovi contenuti.

Nel caso di Kodi, le cose si complicano, soprattutto quando si tratta di utilizzare add-on. Forse la sua configurazione come media center è facile quanto quella di Plex, ma maneggiare gli add-on è qualcosa di un po’ più complesso e ottenere che tutto funzioni al 100% secondo i tuoi gusti e interessi richiede tempo e pazienza. Sì, Kodi permette di fare molte più cose di Plex e offre molte più possibilità, ma proprio per questo il suo utilizzo è più complicato.

Dispositivi compatibili

Entrambi i programmi sono disponibili su una grande quantità di dispositivi, date le loro caratteristiche. Ecco qui la lista completa delle versioni necessarie in ciascun caso:

  • Plex: Windows, OS X, Linux, Android, iOS, NVIDIA Shield, dispositivi NAS (QNAP, Synology...), Smart TV (LG, Samsung, Sony, Toshiba, VIZIO, Roku TV), Apple TV, Android TV, Amazon Fire TV, Chromecast, Sonos, TiVo, PlayStation 4 e Xbox One.
  • Kodi: Windows, OS X, Linux, Android, iOS, NVIDIA Shield, Amazon Fre TV, Chromebox, Cubox-i, CompuLab Utilite, Nexus Player, Intel NUC, ODROID, Raspberry Pi, Razor Forge TV, Wetek Play e Xiaomi Mi Box.

Forse questa lista può essere decisiva ai fini della scelta. Se il dispositivo che hai in mente non è compatibile con il software scelto, non c’è molto da dire. O cambi idea, oppure dovrai acquistare un nuovo dispositivo.

La decisione finale è nelle tue mani. Hai una grande libreria di contenuti già scaricati e memorizzati e vuoi poterli vedere ovunque? Plex è la soluzione ideale. Cerchi contenuti recenti o sport in diretta da vedere in streaming? Kodi fa al caso tuo.

I tuoi dubbi, però, forse possono trovare una soluzione più semplice che dover scegliere tra l’uno e l’altro: Plex è disponibile anche come add-on per Kodi, quindi puoi goderti i vantaggi di entrambi contemporaneamente. Installa l’add-on ufficiale di Plex in Kodi e potrai approfittare di entrambi i mondi e di tutti i loro vantaggi senza dover rinunciare a nulla.